Ignora collegamenti di navigazione  
 

 
 

[Registrati]

 

Prodotti tipici

Una varietà di origini
Un’offerta enogastronomica legata alle eccellenze con una varietà di origini: letterarie, toponomastiche, e quelle derivate da antiche ricette. A Candelo molti produttori si sono indirizzati verso la valorizzazione del territorio richiamandosi alla memoria storica o a piatti segreti della tradizione come il “Crocante del Ciavarin”. Negli anni sono nate produzioni che si rifanno ai nomi di luoghi come “l’amaro Baraggia” o la grappa “Receptum”, il "salam ‘d Candei” e tanti altri.

Insaccati
"Salam ‘d l’ula" è tra i più celebri insaccati della zona. Viene realizzato con carni magre di spalla, guanciale e punta di costina di maiale, macinate e impastate con aggiunta di sale ed aromi naturali. Le carni vengono poi insaccate in un budello di maiale, asciugato e affinato sotto grasso per almeno 3 mesi. Mentre la "Paletta" è ricavata da scapola di suino maturo sgrassato, salata e massaggiata secondo le antiche tradizioni biellesi. Si assapora cotta o cruda. Il "Salam dal Balos", infine, è un salame equino prodotto secondo la ricetta centenaria di nonno Balos, da cui prende il nome.

Dolci
Tra i dolci si annoverano, prima di tutto, i "Fiori di Candelo", biscotti prodotti con ingredienti locali come mirtilli, semi di papavero e nocciole Piemonte. Ma anche i "mattoncini del Ricetto", cioccolatini al latte a base di nocciole, grano e riso.
Un dolce molto particolare è la "Torta d’ San Peru" con uova fresche, nocciola e farina di grande.  Senza dimenticare i "Ricettucci d’ Candej", con farina di grano, mandorle, zucchero, uova e uvetta, ma anche i classici "torcetti al burro", una specialità di Candelo prodotta con farina di grano, zucchero e burro, così come i "Crocanti del Ciavarin" che nascono dalla tradizione di prestinai del ricetto di Candelo nel 1576. Giò Pezzaro porta fuori dalle mura nel “Forno della stra” l’antica arte dolciaria candelese.

Liquori
Tra i liquori si conta l’"amaro Baraggia", ricavato da un’antica ricetta medioevale a base di erbe naturali, l’antico "digestivo del Ricetto" e la "grappa Receptum", ottenuta da uve di Grigliolino o di Nebbiolo, tramite una distillazione particolare: le caldaie non sono riscaldate a fuoco lento ma a vapore. Un procedimento che rende la distillazione più lenta e fine.   

Formaggi
Le "Maccagnette" alle erbe (Mortaràt) rappresentano una vasta famiglia di formaggi aromatici come cagliate stagionate sotto erbe albine o alla farina di mais e gheriglio di noci. Il candelese Renato Mello Grand, insieme al figlio Simone, ne è diventato uno dei produttori italiani maggiormente noti agli appassionati.

Vini
La produzione enologica di Candelo poi è legata al "Santicròs", un vino, sia bianco che rosso, a base di Erbaluce o uvaggi misti come Barbera, Nebbiolo e Bonarda.

 
 
partners logo regione piemonte logo environment park
 
  Copyright Borghi Sostenibili del Piemonte - Progetto finanziato dall'Assessorato al turismo della Regione Piemonte