Ignora collegamenti di navigazione  
 

 
 

[Registrati]

 

Eco-Castagneto didattico

Alla viticoltura è fortemente collegata la produzione di paleria di castagno e pertanto all'interno dell'Ecomuseo della vitivinicoltura uno spazio importante sarà da destinare a questa particolare selvicoltura attraverso la creazione di un impianto per la produzione di paleria a scopo didattico.
Il frutto è stato per la popolazione dei tempi passati, un’importante componente dell’alimentazione delle famiglie contadine. A seconda della varietà di castagna, il frutto veniva utilizzato per la preparazione di una notevole quantità di cibi e nessuna parte veniva sprecata. In tutto il Biellese la castagna costituiva una componente fondamentale della cucina povera: la Valle Cervo, la Valle d’Oropa e tante altre zone sono ancora oggi ricoperte da boschi di castagni.
La formazione di una stanza didattica dedicata al ceduo (coltura da legno) di castagno, completerebbe l'itinerario culturale, storico e paesaggistico dell'Ecomuseo della vitivinicoltura di Candelo. E' raro trovare, in Italia, un castagneto didattico per la produzione di assortimenti legnosi pertanto l'Ecomuseo di Candelo potrebbe essere l'occasione per non disperdere le conoscenze legata a questa particolare selvicoltura.

Due sono le aree di proprietà comunale potenziali individuate per essere destinate alla formazione del castagneto didattico:
1. il prato del Dosso
2. la zona boschiva della Ysangarda

La seconda area ha le condizioni ambientali che meglio si adattano alle esigenze del castagno, oltre alla possibilità di creare nell'immediata vicinanza una zona attrezzata per il ristoro.
Da un punto di vista tecnico l'intervento è certamente complesso, ma è un'operazione oltreché culturale anche di forte miglioramento del paesaggio e dell'ambiente di tale zona.
Il progetto potrebbe poi essere implementato attraverso la creazione di un percorso che colleghi il vigneto laboratorio in regione Dossere, con il castagneto didattico in Baraggia, posizionando lungo il sentiero una cartellonistica ludico-didattica. Un'altra ipotesi di sviluppo è data dalla farina di castagne: essa costituiva la materia prima per molti piatti tipici che potrebbero essere riscoperti ai fini culinari anche nelle migliori ristorazioni.
 
 
 
partners logo regione piemonte logo environment park
 
  Copyright Borghi Sostenibili del Piemonte - Progetto finanziato dall'Assessorato al turismo della Regione Piemonte