Ignora collegamenti di navigazione  
 

 
 

[Registrati]

 

Natura e Paesaggio - Il Tortonese

Un paesaggio variegato: così appare al visitatore il Tortonese, con le sue morbide colline che sfumano in vette di tutto rispetto. Risalendo da Tortona lungo le principali vie di comunicazione, un susseguirsi di campi coltivati, vigneti e frutteti si presenta più come naturale continuazione della Pianura Padana che come parte della complessa catena montana del Basso Piemonte, dove le Alpi cedono il passo agli Appennini.
Con la Val Curone si abbandonano Tortona e la pianura e si risale, tra frutteti lussureggianti, lo scorrere del torrente Curone verso le cime più alte della provincia, il Giarolo, l’Ebro, il Chiappo. Sullo sfondo i castelli di Pozzol Groppo e di Brignano Frascata.
Dai pendii scoscesi, ricoperti di boschi di roveri e castagni, si è catturati da uno straordinario panorama dove si congiungono quattro regioni diverse: il Piemonte, la Lombardia, l’Emilia Romagna e la Liguria.
Alle altitudini maggiori troviamo fitti boschi di rovere e faggi, accompagnati, dove il clima si fa più rigido, da abeti e ginepri, mentre nel sottobosco è possibile imbattersi, oltre che nei funghi e nei preziosi tartufi, in profumati arbusti di biancospino, pruno selvatico, erica e ginepro.  Da febbraio all’autunno avanzato è possibile ammirare fioriture ininterrotte di oltre cinquanta specie della splendida orchidea selvatica.


Grazie al clima temperato delle valli coltivate, i volatili, presenti in una popolazione varia e numerosa, trovano qui un habitat ideale, mentre scoiattoli, ghiri, volpi, cinghiali, caprioli e daini popolano le numerose aree boscose.
Sulle orme del campionissimo Fausto Coppi, la bicicletta è il mezzo migliore per godere delle bellezze di questo paesaggio. Per chi è amante della bicicletta, ma non vuole sperimentare le salite più ardue ed ardite dell’Appennino e della Val Curone, le Valli Grue e Ossona rappresentano un percorso facile ma emozionante. E per gli appassionati di escursionismo, numerosi sentieri si snodano tra le Valli dell’Appennino e si inerpicano sino alle cime più elevate, monte Ebro e monte Chiappo (1700 m s.l.m.).
I magnifici scorci delle colline di Volpedo hanno ispirato molte tele di Pellizza.


 
 
partners logo regione piemonte logo environment park
 
  Copyright Borghi Sostenibili del Piemonte - Progetto finanziato dall'Assessorato al turismo della Regione Piemonte